top of page

ABRUZZO 15/ 22 maggio 2023



PROGRAMMA


1° GIORNO 15/05 CERNUSCO/ CIVITELLA DEL TRONTO

Ritrovo dei sigg.ri Partecipanti nel luogo convenuto e partenza, in autopullman.

Breve sosta lungo il percorso. Arrivo a Civitella del Tronto per il pranzo.

Nel pomeriggio visita della piccola città; con la sua fortezza rinascimentale, in cima al pendio, permane l’impronta di arnese di guerra cinquecentesco; si contano almeno quattro assedi, fu l’ultimo baluardo borbonico a resistere.

In serata, sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.


2° GIORNO 16/06 CIVITELLA/ L’AQUILA/ SULMONA

Pensione completa.

Intera giornata in escursione a L’ Aquila.

Visita alla città d’arte tra le montagne, ricca di monumenti e memorie; dalle geometrie del castello cinquecentesco ai masselli bianchi e rossi della chiesa romanica di Santa Maria di Collemaggio alla fontana delle 99 cannelle, orgoglioso ricordo delle origini ( 99 castelli, 99 rioni, 99 chiese, 99 piazze ).

Rientro a Sulmona in serata.


3° GIORNO 17/05 SULMONA/ CIVITELLA ALFEDENA/ SCANNO/ SULMONA

Pensione completa.

Intera giornata in escursione.

Partenza per Civitella Alfedena; al margine del Parco Nazionale d’Abruzzo presenta antiche case grigie e palazzetti petrigni con, alla spalle, i monti della Meta e, più in basso, il lungo lago di Barrea.

Raggiungimento di Scanno; il borgo vecchio, in una gola alpestre nella valle del fiume Tasso, è di pregio ambientale con stradette e scale tra case antiche aperte dai bei portali. Il costume femminile tradizionale, tra i più celebri d’Italia, aveva due file di bottoni d’argento e il “ cappellitto “, che si portava inclinato sui capelli intrecciati di lacci multicolori.

Rientro a Sulmona in serata.


4° GIORNO 18/05 SULMONA/ PESCOCOSTANZO/ ROCCASCALEGNA/

TRABOCCHI/ SULMONA

Pensione completa.

Intera giornata in escursione.

Sosta a Pescocostanzo, con le sue belle case e i piccoli palazzi del ‘400 e del ‘500, gli spuntoni di roccia e i resti dell’abitato più antico, domina la piatta conca di parti dell’altopiano del Quarto Grande. Le antiche attività artigiane del luogo, merletto a tombolo, filigrana, ferro battuto, intaglio del legno, sono messe in rapporto con l’immigrazione di maestranze lombarde tra la seconda metà del sec. XV e l’inizio del XVIII. Proseguimento per Roccascalegna; il castello è una struttura difensiva, posto sulla cima di una sporgenza rocciosa, in posizione dominante sull’abitato ha fondazione molto antica pur subendo numerose aggiunte.

Partenza verso la costa adriatica e raggiungimento della Costa dei Trabocchi, un

tratto del litorale abruzzese caratterizzato dalla diffusa presenza di trabocchi, antiche macchine da pesca su palafitta.

Rientro a Sulmona in serata.


5° GIORNO 19/05 SULMONA/ SANTO STEFANO DI SESSANIO/ GROTTE DI STIFFE/ SULMONA

Pensione completa.

Intera giornata in escursione.

Partenza per Santo Stefano di Sessanio, piccolo borgo del versante meridionale del Gran Sasso, rimasto abbandonato per decenni, recentemente riconvertito vanta segni di un passato nobile nel patrimonio edilizio, fra tutti il torrione trecentesco.

Raggiungimento delle Grotte di Stiffe, Imponente complesso speleologico con uno sviluppo di oltre 600 metri. Rientro a Sulmona in serata.


6° GIORNO 20/05 SULMONA

Pensione completa.

Mattinata dedicata alla visita di Sulmona, patria di Ovidio poeta dell’amore.

Il suo centro storico è considerato tra i più belli e meglio conservati d’ Abruzzo.

I suoi monumenti come il Palazzo della SS Annunziata, la Chiesa di san Francesco della Scarpa, la Basilica di san Panfilo eretta sui resti del tempio di Apollo e Vesta, l’acquedotto medievale con rettilineo di 21 arcate sono molto interessanti.

Pomeriggio libero a disposizione per relax o una passeggiata con possibilità di acquistare i confetti, da quelli lustreggianti in cellophane multicolore a quelli confezionati a cestelli, fiori, frutta e spighe. I confetti di Sulmona sono famosi in tutto il mondo; i maestri confettieri hanno fornito il prodotto al matrimonio dei principi d’ Inghilterra e dei principi d’ Arabia.


7° GIORNO 21/05 TRANSIBERIANA D’ ITALIA

Pensione completa.

Escursione dell’intera giornata con la Transiberiana d’ Italia

Viaggio nel tempo a bordo di un treno storico nel cuore dell’Appenino, da vivere lentamente circondati dalla bellezza di una natura incontaminata.

Raggiungimento della stazione e partenza con il treno storico, l’itinerario panoramico risale la valle Peligna e il Colle Mitra superando Pettorano sul Gizio e Cansando entrando nel territorio del Parco Nazionale della Maiella. Arrivo alla stazione di Campo di Giove, dopo circa 30 km di salita ed oltre 700 metri di ascesa altimetrica. Sosta libera di circa un’ora per una passeggiata nel grazioso centro storico del paese. Ripartenza e, dopo circa 20 minuti, altra sosta a Palena a quota 1.258 sugli Altipiani Maggiori d’Abruzzo; normalmente sul posto sono presenti stand gastronomici e aziende agricole con mercatino di prodotti tipici della zona.

Partenza da Palena con fermata a Roccaraso, per poi riprendere il viaggio per Castel di Sangro con arrivo alle ore 13.00 circa. Raggiungimento a piedi del centro storico.

Nel pomeriggio, dopo il pranzo, visita guidata all’elegante centro partendo dalla piazza per poi proseguire verso la parte alta, la Civita con la Basilica di Santa Maria Assunta. Tra le viuzze il “ percorso patiniano “ prosegue fino alla Pinacoteca, con ingresso all’interno dell’antico Palazzo de Petra per visitare le più significative opere del pittore Teofilo Patini, nativo proprio di Castel di Sangro e celebre per la sua pittura tesa alla denuncia delle misere condizioni di vita della gente del suo tempo.

Uscendo dal centro storico si arriva fino alla confluenza dei due fiumi Sangro e Zittola, in un luogo di grande fascino e immerso nel verde; in questo spazio è ospitato il Museo Archeologico con testimonianze di epoca sannitica nella splendida cornice dell’ex Convento della Maddalena risalente al XV secolo.

Nel tardo pomeriggio, partenza per il rientro a Sulmona sempre a bordo del treno storico.


8° GIORNO 22/05 SULMONA/ ATRI/ CERNUSCO LOMBARDONE

I° colazione in hotel.

Partenza per Atri, visita alla cittadina che sorge su uno sperone, tra querce e ulivi.

Notevole la sua Cattedrale, una delle più imponenti d’Abruzzo che sorge su un complesso termale romano; all’interno nel coro dei canonici un grande ciclo di affreschi racconta le storie di Maria e di Gesù con una ricchezza di particolari e una vivezza espressiva attinte dal mondo popolare.

Non lasceremo il luogo non prima di essere entrati nella riserva naturale dei Calanchi, un'area naturale protetta di 380 ettari, istituita nel 1995, dove si osservano estesi calanchi di erosione detti localmente “ scrimoni “

Pranzo in ristorante.

Nel pomeriggio, partenza per il rientro. Imbocco dell’autostrada con breve sosta lungo il percorso. Arrivo in tarda serata direttamente al punto di partenza.


PREVENTIVO IN ELABORAZIONE

Comments


Post in evidenza
Riprova tra un po'
Quando verranno pubblicati i post, li vedrai qui.
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page