top of page

viaggio culturale in BELGIO 13 – 16 aprile 2023




Il Rinascimento fiammingo, la pittura barocca, esempi di romanico e gotico in architettura, sono pietre miliari della storia dell'arte. Il Belgio ha dato i natali a tanti pittori espressionisti e surrealisti come Egide Wappers, James Ensor, Constant Permeke, René Magritte e Rubens, uno dei più grandi pittori del '600.


Voli previsti

- BERGAMO 06.10/ CHARLEROI 07.45 giovedì 13 aprile

- CHARLEROI 15.05/ BERGAMO 16.35 domenica 16 aprile


1° GIORNO 13/04 VIMERCATE/ BERGAMO/ BRUXELLES

Ritrovo dei sigg.ri Partecipanti nel luogo convenuto e trasferimento, in autopullman, a Bergamo Il Caravaggio. Operazioni di imbarco partenza per Charleroi, arrivo e raggiungimento di Bruxelles.

Mattinata dedicata alla visita ai Musei Reali delle Belle Arti del Belgio; I musei sono costituiti da quattro differenti collezioni; due che occupano gli edifici del museo (Museo di arte antica e Museo di arte), due situati in altri edifici. I due musei indipendenti, il Museo Constantin Meunier e il Museo Antoine Wiertz sono più piccoli dei due principali e dedicati in particolare al Belgio. I Musei ospitano 20000 tra dipinti, disegni e sculture provenienti da tutto il mondo e di disparate epoche storiche dal XV secolo ad oggi. Vanto dei Musei è la collezione di dipinti fiamminghi, che comprende opere di Rogier van der Weyden, Pieter Bruegel il Vecchio, Robert Campin, Antoon van Dyck e Jacob Jordaens. A Rubens è dedicata un'intera sala, dove sono esposti venti capolavori dell'artista. Un'altra sala è dedicata a Henri de Braekeleer, con ventitré dipinti.

Pranzo libero.

Pomeriggio dedicato alla visita della capitale belga.

La città giace in una piana formata dal piccolo fiume Senne, che l’attraversa coperto.

I quartieri che un tempo erano sulla riva sinistra costituiscono il centro storico e commerciale, cioè la città bassa, di aspetto fiammingo, pittoresco ed animatissimo, con vie strette di carattere medievale; i quartieri della città alta, di impronta francese, occupano una serie di basse collinette con parchi, grandi palazzi di governo e il palazzo Reale. Non mancherà una visita al quartiere di Laeken, con il suo parco che ospita il padiglione cinese e la Torre Giapponese e l’Atomium.

In serata, sistemazione in hotel nelle camere riservate, cena e pernottamento.


2° GIORNO 14/04 BRUGGE/ GENT

Mezza pensione in hotel.

Intera giornata in escursione.

Raggiungimento di Brugge e visita al Il Groeningemuseum è il museo municipale.

Le collezioni spaziano in sei secoli di arte fiamminga e belga, da Jan van Eyck a Marcel Broodthaers. Famosa in tutto il mondo è soprattutto la collezione dei Primitivi fiamminghi e importante è anche la collezione rinascimentale, barocca, nonché la selezione di opere dei secoli XVIII e XIX, fino al Simbolismo, l'Espressionismo e l'arte moderna.

Si prosegue con la visita al Museo Memling, tesoro conservato al Sint Janshospitaal Ogni opera della collezione è stata creata per questo luogo specifico e non è mai uscita da qui. Il riferimento è ai numerosi oggetti devozionali, alle reliquie, agli strumenti di medicina, alle statue dei santi esposti nelle teche, ma soprattutto al tesoro dei sei capolavori di Hans Memling di cui due datati e firmati dall’artista. Nel 1839 la collezione del maestro andò a costituire il nucleo del primo museo del Belgio, fondato dalle suore dell’Ospedale presso la sala accanto al refettorio.

Nel Quattrocento le ricche famiglie di Brugge erano animate da uno spirito improntato alla pietà caritatevole, ma non erano esenti dall’esibizione dello status sociale: devote sì, ma non modeste. È durante quel secolo d’oro che Jan Floreins - frate agostiniano amministratore dell’Ospedale - commissiona una serie di opere ad Hans Memling, abile pittore giunto dalla Germania in cerca di fortuna.

Breve passeggiata in una delle più tipicamente medievali città d’ Europa, distesa con le sue vecchie case, i nobilissimi palazzi e le chiese lungo le rive di numerosi canali in un quadro di serena poesia.

Pranzo libero.

Partenza per Gent, nella Fiandra orientale; il suo glorioso passato è testimoniato dall’ elevato numero di monumenti che essa vanta e che le danno un impronta suggestivamente severa. Raggiungimento della Cattedrale di San Bavone per la Visita al Polittico dell'Agnello Mistico, o Polittico di Gand, è un'opera monumentale di Jan van Eyck (e del misterioso Hubert van Eyck), dipinta tra il 1426 e il 1432. Si tratta di un polittico apribile composto da dodici pannelli di legno di quercia, otto dei quali sono dipinti anche sul lato posteriore, in maniera da essere visibili quando il polittico è chiuso.

Rientro a Bruxelles, in serata.


3° GIORNO 15/04 ANVERSA

Mezza pensione in hotel.

Partenza per l’intera giornata in escursione ad Anversa.

Visita al Museo Reale di Belle Arti, ospita una importante collezione di pitture, sculture e disegni del periodo compreso tra XIV e XX secolo e rappresenta il maggiore museo dipendente dalla Comunità fiamminga. Ha sede all'interno di un edificio neoclassico costruito a partire dal 1884.

A seguire visita al Rubenshuis è una casa museo, abitata per circa trenta anni da Pieter Paul Rubens; si trova nel centro di Anversa. Le collezioni qui conservate, oltre ad alcune opere del maestro, comprendono capolavori di alcuni dei suoi allievi più talentuosi e contemporanei.

Pranzo libero.

Nel pomeriggio visita guidata alla città distesa sulla riva destra della Shelda, qui larga 550 m. , per cui è anche il porto principale del Belgio a 88 km dal mare del Nord. Dopo la decadenza della non lontana Brugge, Anversa richiamò da quest’ultima una folla di artisti, pittori, scultori, architetti.

Se ci sarà la possibilità chiuderemo le visite con il Museo Middelheim, un parco museo situato non lontano dal centro disseminato da circa 200 opere, tra statue e sculture di artisti di tutto il mondo.

Rientro a Bruxelles, in serata.


4° GIORNO 16/04 BRUXELLES/ BERGAMO/ VIMERCATE

Prima colazione in hotel.

Visita al Museo Magritte; riunisce le creazioni dell’artista surrealista René Magritte appartenenti al Museo delle Belle Arti del Belgio.

Raggiungimento del Palais Stoclet, progettato dall'architetto Josef Hoffmann, di cui è considerato il capolavoro.

Grande importanza rivestono gli interni, quasi completamente decorati con materiali importati dall'Austria, che realizzano il sogno degli artisti della secessione viennese di una fusione tra arte e vita, resa possibile dalla professione del committente. La sala da pranzo fu decorata da Gustav Klimt con un fregio musivo (L'albero della vita) in una fantasmagoria di colori.

Anche la sala da bagno del Palazzo è disegnata nei minimi dettagli.

Pranzo libero.

Raggiungimento di Charleroi ed operazioni d’imbarco sul volo in partenza per Bergamo. Arrivo e trasferimento direttamente al punto di partenza.


PREVENTIVO IN ELABORAZIONE!


Post in evidenza
Riprova tra un po'
Quando verranno pubblicati i post, li vedrai qui.
Post recenti
Archivio
Cerca per tag
Non ci sono ancora tag.
Seguici
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
bottom of page